Patrimoni mondiali dell’UNESCO in Giappone

Il Giappone è riconosciuto come una nazione dalla cultura ancestrale. La sua storia gioca un ruolo essenziale nel suo paesaggio moderno, sia nella sua architettura che nella sua popolazione. Il Giappone ospita venti degli oltre 1.000 siti del patrimonio mondiale dichiarati dalle Nazioni Unite per l’Educazione, la Scienza e la Cultura (UNESCO).

I siti del patrimonio mondiale dell’UNESCO sono considerati tali per il loro “notevole valore universale” nei campi della scienza, della storia o della cultura e sono “importanti per gli interessi collettivi dell’umanità”. Questi siti sono definiti beni culturali e sono legalmente protetti dai trattati internazionali.

Questi siti sono divisi in due categorie: culturali e naturali. Non pensi che sarebbe meraviglioso visitarne qualcuno la prossima volta che ti rechi in Giappone? Dai un’occhiata all’elenco dei siti dell’UNESCO e seleziona quelli più in linea con la tua personalità.

Siti del patrimonio culturale in Giappone

Museo nazionale di arte occidentale

Aggiunto nel 2016, questo museo si trova nel Parco di Ueno Park, a Tokyo. È famoso per la sua architettura di Le Corbusier. Contiene oltre 4.500 sculture e dipinti degli ultimi 500 anni, tra cui opere di Van Gogh, Monet, Renoir e Cezanne. Anche il terreno esterno è molto impressionante.

National Museum of Western Art
Questo museo rappresenta la principale galleria d’arte pubblica in Giappone specializzata in arte occidentale

Siti della rivoluzione industriale del periodo Meiji

Aggiunti nel 2015, i siti della rivoluzione industriale si trovano in otto prefetture del Giappone, ed evidenziano l’ascesa del Giappone nel diventare una potenza industriale. Simboleggiano le industrie chiave del paese come il ferro, l’acciaio, la costruzione navale e l’estrazione del carbone, che sono state fondamentali per la rapida crescita economica del paese.

Il mulino della seta di Tomioka e siti correlati

Tomioka, nella prefettura di Fukushima, fu il primo mulino per la seta a impiegare macchinari moderni ed era molto importante per l’industrializzazione del Giappone. Ha ricevuto lo status di patrimonio mondiale dell’UNESCO nel 2014 per il suo ruolo centrale nel trasformare l’industria della seta giapponese in un prodotto commerciale internazionale nel 19° secolo. Molti dei principali produttori di oggi, tra cui la Toyota, sono radicati nel settore.

Monte Fuji

Aggiunto nel 2013, il Monte Fuji (Fujisan) a Yamanashi è un simbolo del Giappone stesso ed è considerato di ispirazione culturale e spirituale. I panorami da lontano sono davvero spettacolari nelle giornate limpide e migliaia di visitatori scelgono di salire sul monte ogni anno. La stagione ufficiale dell’arrampicata va da luglio a settembre.

LakeAshi and Mt Fuji Hakone
Lago Ashi e Monte Fuji a Hakone. Foto di @木更津乃風 (Wikimedia).

Monumenti storici e siti di Hiraizumi

Rappresentando la “Terra Pura” le aree archeologiche, i templi e i giardini di Iwate (nel nord di Honshu) sono stati aggiunti nel 2011. Ci sono moltissime cose da vedere, ma alcuni dei punti più importanti includono il Tempio Chusonji, che tenta di creare un mondo buddista ideale e il tempio Motsuji, famoso per i suoi giardini mozzafiato.

Miniera d’argento e paesaggio culturale di Iwami Ginzan

Questo sito di Shimane è stato aggiunto nel 2007. La miniera è stata fondata nel 1526 ed è operativa da oltre 400 anni.

Percorsi di pellegrinaggio e siti sacri della catena montuosa Kii

I pellegrini giapponesi seguono questi percorsi da oltre 1.000 anni. Ci sono oltre 200 miglia di meravigliosi percorsi ricolmi di biodiversità per i visitatori e la catena montuosa Kii è un sito attivo di devozione sia nelle religioni shintoiste che buddiste.

Siti di Gusuku e proprietà culturali del regno di Ryukyu

Ryukyu era un tempo un fiorente stato indipendente che viveva in pace accanto al Giappone. Il regno fu abolito nel 1879 quando fu incorporato al Giappone come Okinawa. Tuttavia, l’essenza del regno vive nel castello stravagante e gli altri resti dell’epoca romantica passata.

Santuari e templi di Nikko

Nikko ospita un tempio buddista e 2 santuari shintoisti. Sono lì da secoli, contornati dai loro splendidi dintorni naturali. Il complesso è costituito da oltre 300 edifici religiosi noti per la loro incredibile architettura e le loro decorazioni. La struttura più antica venne costruita nell’ottavo secolo.

Toshogu shrine is a UNESCO World Heritage Site
Il santuario Toshogu fa parte del patrimonio mondiale dell’UNESCO di Nikko

Monumenti dell’antica Nara

Nara è un’antica capitale del Giappone, lo fu dal 710 al 784 e per fortuna le testimonianze di quell’epoca sono ancora lì. Ci sono 8 strutture principali da vedere tra cui il magico Palazzo Nara, Yajushi-ji e un enorme Buddha. L’area circostante è davvero incantevole e i cervi selvatici vagano liberamente nella foresta.

Santuario di Itsukushima

Situato sulla famosa isola di Miyajima, vicino Hiroshima, questo santuario è stato aggiunto al patrimonio mondiale nel 1996. L’area è stata importante per lo shintoismo dal 12° secolo. È famosa per la sua porta “Torii” che sembra galleggiare sul mare.

Cupola della bomba atomica di Hiroshima

Noto anche come Memoriale della pace di Hiroshima, questo sito è stato aggiunto nel 1996. La cupola è l’unica struttura sopravvissuta ai bombardamenti atomici della città nel 1945. Il memoriale ha lo scopo di ricordare al mondo l’importanza della pace. Scopri di più visitando la nostra guida di viaggio di Hiroshima.

Shirakawa-go e Gokayama

Questi storici villaggi ospitano fattorie tradizionali che hanno più di 400 anni. Gli spettacolari tetti di paglia Gassho Zukuri, allineati lungo la valle del fiume Shogawa nelle remote montagne, ti faranno sentire come se fossi tornato indietro nel tempo. Il sito, che si trova vicino alle Alpi giapponesi, ha ottenuto lo status di patrimonio mondiale nel 1995.

Panoramic view of Shirakawago village
I villaggi storici di Shirakawa-gō e Gokayama sono patrimonio mondiale dell’UNESCO in Giappone.

Monumenti dell’antica Kyoto

Aggiunto nel 1994, diciassette strutture compongono questo sito del patrimonio storico, tra cui Kinkaku-ji, Byodo-en e Kiyomizu-dera. Kyoto è stata fondata nel 794 e i siti storici risalgono al periodo dal 900 al 1600. Per ulteriori informazioni, consultare la nostra guida di Kyoto Kyoto.

Castello di Himeji

Aggiunto nel 1993, il castello di Himeji a Hyogo è un maestoso esempio di architettura del 17° secolo. Il castello ha recentemente subito importanti lavori di ristrutturazione per riportarlo al suo antico splendore. Scopri di più visitando la guida del Castello di Himeji.

Himeji castle during the cherry blossom season
Castello di Himeji durante la stagione della fioritura dei ciliegio

Tempio Horyu-ji

Aggiunto nel 1993, il complesso di templi Horyu-ji di Nara comprende quarantotto monumenti buddisti e due templi, Hokki-ji e Horyu-ji. Le antiche strutture, considerata la più antica architettura lignea del mondo, sono contemporanee all’introduzione del buddismo in Giappone nel settimo secolo.

L’isola di Okinoshima e altri siti nella regione di Munakata

“Situati a 60 chilometri dalla costa dell’isola di Kyushu, l’isola di Okinoshima è un esempio eccezionale della tradizione di culto di un’isola sacra”, afferma l’UNESCO. I suoi siti archeologici sono praticamente intatti e ricordano come erano i riti religiosi tra il 4° e il 9° secolo.

Acquista il tuo Japan Rail Pass

Siti cristiani nascosti nella regione di Nagasaki

Un gruppo di 12 siti religiosi che raccontano la storia del risveglio del cristianesimo dopo anni di soppressione da parte dello stato durante il periodo Edo (1603-1867). I siti includono una cattedrale, chiese e rovine che sono sparse per la regione di Nagasaki. In origine vi erano 26 siti, ma solo 12 sono stati ufficialmente aggiunti nel 2007.

Mozu-Furuichi Kofungun, antichi ammassi di tumuli

Le diverse decine di tombe antiche si trovano a sud di Osaka e nel 2019 sono state elencate come Patrimonio dell’umanità. Sono state costruite tra il 4° e il 6° secolo per l’antica élite al potere. Esistono diverse tombe più grandi e più elaborate per le persone con uno status sociale più elevato e anche quelle più piccole e semplici.

Siti del patrimonio naturale del Giappone

Isole Ogasawara

Trenta isole Ogasawara sono state aggiunte in questo elenco nel 2011. Situate al largo della costa di Tokyo, le isole ospitano 195 specie di uccelli considerate in via di estinzione. L’unico modo per raggiungere le isole tramite un traghetto settimanale di 24 ore da Tokyo. Solo le 2 isole più grandi, Chichijima (Isola del Padre) e Hahajima (Isola Madre), sono abitate.

Parco nazionale di Shiretoko

Situato a Hokkaido, questo sito è stato aggiunto nel 2005. Questo tesoro ecologico del nord del Giappone ospita numerose specie di uccelli dichiarate “in via d’estinzione”. È anche uno dei parchi naturali più strabilianti del Giappone. L’area è completamente incontaminata e quindi di difficile accesso. Nessuna strada raggiunge più di 4 miglia sulla penisola.

Cape Puyuni sunset
Cape Puyuni è un luogo importante per guardare il tramonto a Shiretoko

Shirakami Sanchi

Aggiunta nel 1993, questa zona è tra le ultime foreste vergini della spiaggia, foreste incontaminate e inalterate dall’uomo, che si trovano in Asia, sede della rara specie di faggio del Siebold. Si trova nelle prefetture di Aomori e Akita, nel nord del Tohoku.

Yakushima

Aggiunta nel 1993, l’isola di Yakushima si trova al largo della costa di Kyushu. Ospita un ecosistema naturale unico, tra cui alberi di cedro yaku-sagi, alcuni dei quali hanno più di 1.000 anni.

Yakushima island
Yakashima è il luogo più meridionale del Giappone dove puoi trovare la neve in montagna

Un’altra dozzina circa di siti giapponesi si trovano nella “Lista provvisoria” dell’UNESCO, in attesa di un futuro inserimento come Patrimonio dell’Umanità. Quanti siti di questo elenco hai visitato? Dai un’occhiata alla nostra categoria di destinazioni per saperne di più.

Related Posts

Tour e attività correlati

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *