Portali Torii: Origini e luoghi da visitare

torii gate japan

I portali Torii sono un simbolo immediatamente riconoscibile del Giappone. Sono i tradizionali portali giapponesi che si trovano più comunemente all’ingresso dei santuari scintoisti e segnano il passaggio dal mondo ordinario a quello sacro.

Si stima che in Giappone ci siano 90.000 santuari shintoisti, ognuno dei quali ha almeno un portale Torii, i quali sono diventati sinonimo del paesaggio culturale e spirituale del Giappone. Sono una tappa imperdibile per chi visita il Paese.

In questo articolo potrai scoprire il significato dei portali Torii, fare una passeggiata nella storia e visitare alcuni dei Torii più suggestivi. Inoltre, vogliamo offrire alcuni consigli per un’esperienza indimenticabile.

Che cos’è un portale Torii?

Un portale Torii è la struttura che si trova all’ingresso dei santuari shintoisti, alcuni dei quali fanno parte del patrimonio mondiale dell’UNESCO in Giappone. I portali Torii sono strutture tradizionalmente di colore rosso o vermiglio, caratterizzate da 2 montanti e 2 traverse orizzontali.

Si ritiene che il colore vermiglio, una tonalità rosso-arancio brillante, allontani gli spiriti maligni e le catastrofi.
I portali Torii possono anche essere di altri colori, come il nero, il grigio pietra o il legno naturale, a seconda della tradizione del santuario e delle usanze locali.

Il design semplice simboleggia l’attenzione shintoista per la bellezza naturale e la purezza.

Origine e significato dei portali Torii

Esistono diverse teorie sulle origini dei portali Torii. Si ritiene che il nome “Torii” derivi da “tori-iru”, che significa “trespolo per uccelli”. L’uso religioso dei trespoli per uccelli nei Paesi asiatici, come la Corea, comprendeva l’allontanamento degli spiriti maligni e l’augurio di buona fortuna agli abitanti del villaggio.

Un’altra teoria suggerisce che i portali Torii potrebbero essere stati influenzati da strutture simili provenienti dall’India e dalla Cina, come la “torana” buddista, adattandosi nel tempo in uno stile esclusivamente giapponese.

Nel corso della storia, i portali Torii si sono evoluti nel design e nel significato, diventando parte integrante dei santuari shintoisti in tutto il Giappone. Si va da semplici strutture in legno a grandiosi cancelli in pietra e metallo che riflettono la cultura locale.

5 iconici portali Torii da visitare in Giappone

Il Giappone ospita migliaia di portali Torii, ognuno dei quali ha un fascino e un significato storico unici. Ecco 5 tra i più iconici portali Torii del Giappone che consigliamo di aggiungere al proprio itinerario.

Fushimi Inari Taisha, Kyoto

Senbon Torii, thousand torii gates
Senbon Torii, Fushimi Inari M338 under CC BY – SA 3.0

Fushimi Inari Taisha è famosa per le migliaia di portali Torii vermigli, che creano un tunnel lungo i sentieri del Monte Inari. Questo santuario, dedicato a Inari, il dio scintoista del riso e della prosperità, offre un’esperienza davvero unica e ottime opportunità fotografiche!

Come arrivarci: Dalla stazione di Kyoto prendere la linea JR Nara. La stazione di Inari è la seconda fermata e ci vogliono circa 5 minuti per arrivarci da Kyoto.

Santuario di Itsukushima, Miyajima

The great floating torii in Miyajima
The great Torii in Miyajima marks the limit between the spirit and the human worlds.

Il portale Torii galleggiante del Santuario di Itsukushima è uno spettacolo mozzafiato. Situato sull’isola di Miyajima, nella prefettura di Hiroshima, questo portale sembra galleggiare sull’acqua durante l’alta marea, creando uno spettacolo straordinario. È spesso considerato uno dei siti più belli del Giappone.

Come arrivarci: Per arrivare a Hiroshima, si può prendere lo Shinkansen dalle principali città come Tokyo, Kyoto o Osaka. Per raggiungere l’isola di Miyajima è necessario prendere un treno JR locale, di solito sulla linea JR Sanyo. Da lì si prende un traghetto gestito dalle ferrovie giapponesi per le isole di Miyajima, con una passeggiata panoramica dal porto al santuario.

Santuario di Meiji, Tokyo

Meiji shrine entrance
Meiji shrine entrance

Il Santuario Meiji offre un rifugio sereno nella vivace città di Tokyo. L’imponente portale Torii, realizzato in legno di cipresso di 1.500 anni, segna l’ingresso di questo tranquillo santuario dedicato all’imperatore Meiji e all’imperatrice Shoken.

Come arrivarci: la stazione più vicina al Santuario Meiji è quella di Harajuku sulla linea JR Yamanote. A seconda di dove si inizia il viaggio da Tokyo, si può salire a bordo di un treno della linea Yamanote in direzione della stazione

Santuario di Hakone, lago Ashi

LakeAshi and Mt Fuji Hakone
Lake Ashi and Mount Fuji in Hakone. Photo by @木更津乃風 (Wikimedia).

Immerso nelle foreste vicino al Monte Fuji, il Santuario di Hakone è noto per il suo portale Torii che si trova nel lago Ashi. Il portale, con lo sfondo del lago e del Monte Fuji, è particolarmente apprezzato dagli appassionati di fotografia.

Come arrivarci: è possibile raggiungere Hakone-Yumoto da Tokyo prendendo lo Shinkansen fino a Odawara e cambiando lì per Hakone. Si noti che per questa seconda tappa è necessario un biglietto separato, non coperto dal JR Pass. È quindi possibile prendere un autobus per il lago Ashi, anch’esso da acquistare a parte.

Santuario di Heian, Kyoto

heian shrine kyoto
Torii gate in Heian Shrine, Kyoto

Anche se non è antico come gli altri, il portale Torii del Santuario di Heian è impressionante per le sue dimensioni e il suo colore vermiglio brillante. È uno dei più grandi del Giappone e segna l’ingresso di un santuario costruito per celebrare il 1100° anniversario di Kyoto come ex capitale imperiale.

Come arrivarci: per raggiungere il santuario dal centro di Kyoto, si può prendere l’autobus urbano dalla stazione di Kyoto. Questi autobus fanno parte della linea Raky Bus, che si rivolge specificamente ai turisti e si ferma in molte delle principali attrazioni.

Altri portali Torii da visitare in Giappone

Oltre a quelli già citati, si possono ammirare anche i portali Torii:

  • Tempio di Shitenno-Ji, Osaka
  • Tempio di Kinpusenji, Nara
  • Santuario di Arakura Sengen, Yamanashi
  • Santuario di Motonosumi, Yamaguchi
  • Kumano Hongu Taisha, Wakayama

Ognuno di essi è unico e vale la pena visitarlo per conoscere meglio le credenze e le tradizioni religiose giapponesi. Con così tanti portali Torii sparsi per il paese, è possibile vederli ovunque ci si trovi.

Visitare i portali Torii: etichetta e consigli

Quando si visitano i santuari shintoisti e si varcano i portali Torii, è necessario rispettare alcune usanze. È consuetudine inchinarsi leggermente prima di entrare e uscire da un portale Torii, per mostrare rispetto alla divinità in esso racchiusa. Prima di entrare in un santuario scintoista, i visitatori devono lavarsi le mani e la bocca presso l’apposito recipiente d’acqua.

Il galateo prevede anche di tenere pulito il percorso e di astenersi da conversazioni ad alta voce. È un segno di rispetto nei confronti degli altri visitatori.

Ecco alcuni consigli pratici per organizzare la propria giornata:

  • Controlla gli orari di apertura e i momenti migliori per le visite in modo da evitare la folla, soprattutto nei luoghi più popolari come il tempio Sensoji
  • Indossa scarpe comode, poiché alcuni santuari presentano un’ampia camminata
  • Considera l’acquisto di un JR Pass per viaggiare in modo comodo ed economico tra le città e verso i vari santuari
  • Sceglie i portali Torii che desideri davvero visitare, visto che ce ne sono così tanti da vedere che non vorrai perderti quelli che ti interessano di più

Japan Rail Pass: Il tuo biglietto per i portali Torii

Il modo più efficiente ed economico per scoprire i portali Torii del Giappone è quello di utilizzare il Japan Rail Pass. Questo pass offre la possibilità di viaggiare senza limiti sulla maggior parte dei treni della Japan Railways (JR) in tutto il Paese, compresi gli shinkansen (treni proiettile), i treni locali e persino alcuni autobus e traghetti.

È possibile accedere a molti portali Torii utilizzando il JR Pass. Verifica le indicazioni di base per ogni santuario elencate qui sopra e pianifica il tuo percorso prima di partire.

Tour e attività correlati